Psicologo e Psicoterapeuta. Formatore e Trainer. Esperto di Assessment di gruppo ed individuale, Selezione e Ricerca di Personale. Consulente per la ricerca clinica, aziendale e di mercato. Riceve a Pescara e Roma.


Strumenti e Pratiche dello psicologo domiciliare

Corso di formazione gratuito di 80 ore per psicologi


Abbiamo sempre immaginato il nostro lavoro all’interno delle mura del proprio studio professionale.

Molte, invece, sono le situazioni e i casi nei quali lo psicologo è chiamato ad intervenire in contesti “non convenzionali”, sia per chi lavora in ambito sanitario e/o psico-sociale (ospedali, cooperative, centri riabilitativi, hospice, asl, comune ecc.) che per chi lavora privatamente.

Uno di questi contesti è sicuramente quello domiciliare.

Un contesto di cui ancora si parla poco, ma che vede già impegnati molti psicologi e psicoterapeuti che hanno, spesso, costruito il loro modello di intervento senza avere avuto una specifica formazione in merito.

La legge ha già riconosciuto la necessità di assumere tra gli indirizzi strategici quello dell’integrazione socio-sanitaria a diversi livelli (Legge 328/00).

La necessità di offrire prestazioni sociali e sanitarie in maniera integrata è diventata una componente centrale delle politiche di welfare.
Questo scenario ci consente di comprendere l’importanza di una corretta formazione in ambito domiciliare, non solo delle figure para-mediche che operano in contesti sanitari ma soprattutto degli psicologi impegnati in questo interessante e vasto ambito di intervento.
 

Il corso di formazione: contenuti

Primo modulo

Aspetti legislativi e linee guida dell’assistenza domiciliare integrata
Il Modello Bio-Psico-Sociale: un nuovo modo di concepire l’intervento domiciliare
Intervento domiciliare e lavoro di rete
Il ruolo dello psicologo nella presa in carico domiciliare
La formazione psicologica dell’equipe e la supervisione clinica sui casi
L’intervento psicologico domiciliare con la disabilità fisica e/o psichica e le patologie psichiatriche

Secondo modulo

L’anziano e l’invecchiamento sano o fisiologico
Le demenze: classificazione e inquadramento diagnostico
Lo psicologo domiciliare nel lavoro con gli anziani: possibilità di intervento
Valutare per intervenire: le funzioni cognitive, l’autonomia funzionale, i sintomi psicologici ei problemi comportamentali nell’anziano
Il sostegno psicologico all’anziano: specificità del setting domiciliare
Costruire un programma di riabilitazione e stimolazione cognitiva
L’intervento con i familiari e/o i caregivers
L’intervento sul contesto ambientale

Terzo modulo

Il trattamento del paziente oncologico attraverso il setting domiciliare: “diagnosi e intervento… sull’ambiente”.
L’intervento terapeutico tra… “malattia e domicilio”: come cambiano i confini, le distanze e le difese nella relazione tra terapeuta e paziente.
La riorganizzazione della famiglia intorno all’ingresso di un “nuovo membro”: il terapeuta a domicilio.
La relazione tra patterns relazionali intra-familiari e l’equipe curante: la costruzione della compliance.
L’intervento domiciliare sul care-giver: l’alleanza nella cura.
L’intervento domiciliare sul paziente oncologico in coordinamento con altre professionalità: medici, fisioterapisti, infermieri e assistenti sociali.
“Sto morendo ma non potrei essere piu’ impegnato a vivere” (hillman). L’intervento terapeutico domiciliare al paziente terminale.
Entrare nella famiglia per aiutare il distacco: il sostegno alla famiglia nella fase terminale di malattia
Lo psico-oncologo domiciliare: caratteristiche di una professione al limite

Quarto modulo

Il sostegno psicologico domiciliare in ambito materno infantile: elementi di psicologia perinatale
La gravidanza a rischio e la depressione post-partum: quali figure coinvolgere nell’intervento
Intervento domiciliare in età evolutiva: rivolto alle famiglie non solo con criticità o patologia. Lo scopo è il sostegno al buon funzionamento familiare secondo un approccio educativo e non solo riabilitativo.
Struttura di un possibile percorso di intervento domiciliare.
Gli strumenti. Osservazione e descrizione: pilastri per costruire obiettività (def. Comportamento problematico, l’analisi funzionale, ecc).
Le strategie di intervento e la valutazione del cambiamento (modellamento, il concatenamento, time out, token economy, ecc)
La separazione ed il distacco.


Destinatari

Il corso è rivolto esclusivamente a Psicologi, regolarmente iscritti all’Albo, con partita IVA e residenza fiscale nella Regione Lazio.
Il corso partecipa al nuovo bando di formazione finanziata della Regione Lazio e viene proposto in collaborazione con Studio Staff.
Sede di svolgimento: Roma (zona Ottaviano)  

Iscrizioni

Se vuoi partecipare al corso invia una mail a: infocorsopsi@gmail.com
inserendo il tuo Nome-Cognome; E-mail; Numero di cellulare; Provincia di residenza; Numero di Partita Iva entro e non oltre il 31/03/2015.

Ti saranno al più presto inviati i moduli da stampare, riempire e inviare per posta raccomandata A/R. 

Affrettati! Non perdere questa occasione!

 

Massimiliano Barattucci

 Consulenza Formazione Ricerca

Psicologo Psicoterapeuta PhD

Pescara

  ASSISTENZA E SUPPORTO PSICOLOGICO